Ecco i dati che il DAP ieri ha reso pubblici. Grazie al Sippe
Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione ...
DE PASQUALE (SIPPE) : “ORA SUBITO ISTITUZIONE GRUPPO ...
Sancito a chiare lettere IL PRINCIPIO DELLE PARI ...
Roma, 14.04.2022: Ecco le sedi disponibili dopo il corso; al Sud

Roma, 27 agosto 2021 - Il SIPPE ha diffidato e messo in mora il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Ministro della Giustizia ed il Capo del Dap, per violazioni ai diritti fondamentali delle donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria. È la seconda diffida che va al Governo dopo quella del Sindacato dei Carabinieri Unarma. Secondo il Presidente del SIPPE Alessandro De Pasquale, “il green pass finirebbe per costituire un’imposizione, surrettizia e indiretta, di un obbligo vaccinale per quanti intendano circolare liberamente e/o usufruire dei suddetti servizi o spazi. Ne conseguirebbe la violazione della libertà personale, intesa quale legittimo rifiuto di un trattamento sanitario non obbligatorio per legge, o comunque di continue e quotidiane pratiche invasive e costose quali il tampone”.

Leggi la diffida

Il Presidente del SIPPE Alessandro De Pasquale scrive una lettera al Ministro della Giustizia Cartabia dopo quello che è successo in molti istituti e servizi penitenziari in cui poliziotti sarebbero stati costretti a mangiare in mezzo ai furgoni o per la strada per le rigide norme sul green pass.

Leggi la lettera

Martedì, 20 Luglio 2021 00:00

Riavvio del tavolo contrattuale

Roma, 20 Luglio 2021 - Si è tenuta nella mattinata odierna la prima riunione sul contratto. A presiedere il tavolo il Ministro Funzione Pubblica Renato Brunetta. Lo scenario prospettato è stato quello di un aumento medio procapite del 4,26% a partire dal 2021, che risolverebbe quella sperequazione che pareva destinata a profilarsi nei confronti del personale del pubblico impiego. Il SIPPE esprime soddisfazione per lo sforzo compiuto dall’Esecutivo nell’appostamento di nuove risorse e accoglie con favore la volontà del Governo di predisporre un pacchetto di misure a sostegno della “specificità” che sarà tendenzialmente finanziata con la prossima legge di bilancio; in tal modo l’intenzione è quella di riversare interamente le somme disponibili per la definizione della parte economica del contratto, da sottoscriversi auspicabilmente entro la fine di settembre, così da vedere gli incrementi e gli arretrati in busta paga entro fine anno. In conclusione dei lavori, la rappresentanza governativa ha confermato l’impegno politico di finanziare nella prossima legge di bilancio materie importanti. I lavori in sede tecnica saranno calendarizzati con cadenza settimanale o bi-settimanale per il corrente mese di luglio, per l’ultima settimana di agosto e per il mese di settembre, con l’obbiettivo di giungere a sottoscrizione entro la fine del mese di settembre.

Dopo gli arresti dei colleghi di Santa Maria Capua Vetere, molte donne e uomini del corpo di polizia penitenziaria sono moralmente distrutti. Il Dap non sembra più in grado di gestire il Corpo di polizia Penitenziaria; non ci sono regole chiare e, soprattutto, non c’è un’organizzazione efficiente; il potere, inoltre, è gestito da circa 500 dirigenti penitenziari senza uniforme che “governano” 40 mila poliziotti. Si tratta di un’anomalia solo italiana che andrebbe eliminata per ovvie ragioni; un corpo di polizia non può essere gerarchicamente subordinato a chi poliziotto non è.

Leggi la lettera alla Ministra Cartabia

“Non si arresta l’ascesa del Sinappe che diventa ufficialmente il secondo sindacato della polizia penitenziaria. Importante il contributo del SIPPE loro affiliato ormai da tre anni”. Lo dichiara Alessandro De Pasquale, presidente del SIPPE, che aggiunge: “la sinergia raggiunta con il Sinappe ha consentito questo risultato e il 2022 sarà un anno importante per le due realtà sindacali la cui collaborazione sarà ancora più incisiva”.

Grazie Leggi i dati ufficiali

3E3D6931 E7DD 4410 A9D2 E354D4FC6759

Pagina 3 di 25

Contatti

Top