Ecco i dati che il DAP ieri ha reso pubblici. Grazie al Sippe
Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione ...
DE PASQUALE (SIPPE) : “ORA SUBITO ISTITUZIONE GRUPPO ...
Sancito a chiare lettere IL PRINCIPIO DELLE PARI ...
Roma, 14.04.2022: Ecco le sedi disponibili dopo il corso; al Sud
Martedì, 17 Novembre 2020 00:00

Sussidio EAP Covid 19

L’Ente di Assistenza del Dap eroga sussidio CoViD 19

Leggi la circolare

Scarica il modello

Il SIPPE ha chiesto il rispetto del DPCM in relazione agli spostamenti per fare visita alle persone detenute in carcere, chiedendo alle amministrazioni interessate di privilegiare per le zone gialle il colloquio a distanza e vietare i colloqui visivi per le zone rosse e arancioni. Tutto questo a tutela della salute pubblica.

Leggi la lettera

Alla Casa Ciricondariale di Terni non c’è soltanto il virus, la situazione scatenante causa pandemia parte da lontano, l'afflusso indiscriminato di detenuti dal Provveditorato Umbria-Toscana nelle perifefie che rischia di generare il defiintivo collasso anche sanitario. La "casella" Terni diventa oggetto di un problema nazionale generato dall'inefficienza di un'organizzazione latente ed inefficace.

La fotografia si riflette nella relazione che il garante umbro dei detenuti, Stefano Anastasia, ha presentato alla terza commissione del consiglio regionale, presieduta da Eleonora Pace. Il dossier sulle carceri umbre ha ricevuto l’approvazione della commissione, con l’unico voto contrario espresso dal consigliere regionale Valerio Mancini (Lega). Dopo aver accorpato il Provveditorato dell'Umbria con la Toscana il territorio verde d'Italia ha e sta vivendo l'afflusso indiscriminato di detenuti ribelli e problematici senza l'apporto di un conseguente aumento delle forze in divisa. Uno scambio non equo e discriminante che mina la sicurezza di tutta la società, un'azione senza precedenti sottovalutata da tutte le istituzioni.

Nell’audizione del garante dei detenuti, è stato sottolineato come “la principale criticità attuale delle strutture penitenziarie umbre è data dal cluster nell’istituto di Terni con 73 detenuti positivi al Covid, di cui 3 ospedalizzati, uno in rianimazione. Si tratta della cifra massima riscontrata in un singolo istituto penitenziario in Italia. Riflesso minore sul personale con 6 casi di polizia penitenziaria a Terni e 10 a Spoleto”. Al momento in Umbria ci sono 1.362 detenuti per 1.323 posti regolamentari, quindi con un sovraffollamento minimo del 3 per cento, inferiore al dato nazionale del 10 e in calo rispetto all’anno precedente. Anche qui la criticità maggiore di sovraffollamento è su Terni, 500 presenze, così come la massima vacanza di organico di polizia penitenziaria, 206 per 241 posti, con la copertura dell’85 per cento dell’organico. Terni per l'ennesima volta si dimostra che è dimenticata da tutti, troppi detenuti e sempre meno personale, il Provveditorato ovviamente tace e il Dap si trincera nel burocratismo più becero.

A Terni c'è il massimo sovraffolamento e la massima diffusione del virus ma da Roma silenzio assordante, troppi tamponi ai detenuti e al personale non devono diventare un palliativo, tutto il mondo carcere è a rischio implosione e la sicurezza va salvaguardata a tuttii. L'esempio di Terni dovrebbe far riflettere a tutti. Sospendere immediatamente i colloqui e creare le condizioni per la sicurezza sanitaria, con percorsi puliti e sporchi e con le zone grigie è un obbligo. Ministro Bonafede è ora che si interessi del proprio Dipartimento, i sacrifici e lo spirito del corpo di polizia penitenziaria è arrivato ai titoli di coda e i prossimi scenari potrebbero diventare peggio delle trasmissioni di Massimo Giletti. Il cluster è sostanzialmente chiuso, la gestione e l'assistenza a Terni va preservata solo con il trasferimento di detenuti negativi. La prima risposta non è stata positiva ma non c'è peggior sordo che non vuol sentire Ministro, ascolti chi sicuramente conosce alcune dinamiche più di lei. Il dato è vergognoso per l'Umbria su 1.300 detenuti attuali, circa un migliaio proviene da fuori Regione e con la situazione attuale la rivendicazione della territorialità della pena è sempre attuale.

Il ministro si adegui alle norme costituzionali e ripristini uno stato di diritto, in questo modo la sicurezza e il rispetto dei diritti sarebbe assicurato a tutti. Il sistema umbro è destinato a persone lontane dall’Umbria e un nuovo padiglione a Perugia sarebbe l'ennesimo errore per decongestionare le strutture ricettive del sud. L'Umbria è stanca di diventare un ricettacolo accogliente di criminalità senza organizzazione, gli interessi di altri non possono inficiare la sicurezza di tutti.

Roma, 7 Novembre 2020

Francesco Petrelli

Dirigente Nazionale SIPPE

Mercoledì, 28 Ottobre 2020 00:00

RINNOVO CONTRATTUALE (2019-2021)

Roma, 28 ottobre 2020 - Si abbandonino i proclami e si stanzino risorse per restituire dignità alle forze di polizia. Dopo aver conosciuto un lungo blocco contrattuale e dopo un timido rinnovo (relativo alla sola parte economica) giunto nel 2018, dal 2019 le forze di polizia – come è noto - sono nuovamente senza contratto! Sul finire di un funesto 2020 giunge la prima convocazione, presieduta dal Ministro Dadone, per cominciare a ragionare sul nuovo contratto. Di fronte ad un’Amministrazione che si è presentata al tavolo priva di qualsiasi documento, proiezione, numeri, risorse, parlare di un avvio dei lavori è davvero “fantasioso”. L’incontro si è piuttosto trasformato in un’assise rivendicativa ove – con poca concretezza – ognuno ha messo sul tavolo i propri desideri. Un nulla di fatto, l’ennesimo, che ci pone ad una distanza siderale dal raggiungimento dell’obiettivo: ridare dignità economica alle forze di polizia e valorizzare il lavoro precipuo della polizia penitenziaria come segnale di riconoscimento per un lavoro difficile condotto mai sotto i riflettori ma sempre con spirito di abnegazione. È sulla base di queste premesse che il Si.P.Pe – rappresentando il divario economico che si registra con gli omologhi della Polizia di Stato (su tutti, si guardi al FESI che per noi risulta pesare circa un terzo rispetto alle risorse della P.S.) – chiede il finanziamento per l’istituzione di due nuove indennità specifiche: l’indennità di sezione e l’indennità di sorveglianza a vista. Sempre sotto il profilo economico, è necessaria la detassazione sia degli incrementi contrattuali (per non vanificarne gli effetti a causa di una importante pressione fiscale), sia del lavoro straordinario eccedente le 25 ore mensili, come riconoscimento concreto degli sforzi ulteriori che vengono chiesti al personale. E ancora, è necessaria la rideterminazione degli importi per lavoro straordinario e per i servizi di missione, oltre a maggiori stanziamenti per il rimborso delle spese legali alla luce dell’introduzione del reato di tortura. Molteplici le proposte anche sotto il profilo normativo, che vanno dalla disciplina delle pensioni integrative, a quella delle visite fiscali (in ragione – anche qui – della disparità “interpretativa” che si registra fra Ministero della Giustizia e Ministero dell’Interno). Per il momento, si resta in attesa di ottenere la tabella delle risorse disponibili – specificatamente richiesti, quale precondizione per ragionamenti concreti – e il calendario dei prossimi incontri. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi Si.P.Pe

l prossimo 27 ottobre si avvierà la discussione per il rinnovo del contratto delle Forze di Polizia. Assurdo! Quando l’accordo sarà raggiunto, sarà già scaduto e quindi ritorneremo nuovamente in regime di vacanza contrattuale. Auspichiamo che questo Governo investi sulla sicurezza, assegnando adeguate risorse per migliorare le condizioni delle Forze di Polizia.

Leggi la convocazione

Pagina 6 di 25

Contatti

Top