Roma, 19 settembre 2021: il SIPPE, dopo le continue aggressioni
Roma, 31 Agosto 2021- Considerata la singolare decisione di ...
“Il Dipartimento non può obbligarci ad usufruire di
Roma, 27 agosto 2021 - Il SIPPE ha diffidato e messo in mora il
Il Presidente del SIPPE Alessandro De Pasquale scrive una ...
Roma, 20 Luglio 2021 - Si è tenuta nella mattinata ...
Redazione

Redazione

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Roma, 19 settembre 2021: il SIPPE, dopo le continue aggressioni in carcere, scrive al Ministro della Giustizia e propone di modificare l’articolo 336 del codice penale, prevedendo un aggravante speciale, quindi un inasprimento della pena, per chiunque usa violenza o minaccia al Poliziotto Penitenziario all’interno di una struttura detentiva.

Leggi la lettera

Roma, 31 Agosto 2021- Considerata la singolare decisione di equiparare le mense di servizio ai ristoranti, il Dap dovrà anche rigorosamente adeguarsi alle rigide norme igienico sanitarie previste per il settore della ristorazione, in caso contrario dovrà trovare soluzioni adeguate affinché il personale sprovvisto di Green Pass possa usufruire del servizio MOS in condizioni di salubrità.

Leggi la lettera

“Il Dipartimento non può obbligarci ad usufruire di un servizio (obbligatorio) come le mense in mezzo ai cortili ed in condizioni poco salubre. Se il Dap non è in grado di garantire salubrità, sostituisca il pasto con il buono pasto, almeno fino a quando non si metterà in regola con le norme igienico sanitarie. Lo afferma Alessandro De Pasquale Presidente del SIPPE.

Leggi l’interrogazione

Roma, 27 agosto 2021 - Il SIPPE ha diffidato e messo in mora il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Ministro della Giustizia ed il Capo del Dap, per violazioni ai diritti fondamentali delle donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria. È la seconda diffida che va al Governo dopo quella del Sindacato dei Carabinieri Unarma. Secondo il Presidente del SIPPE Alessandro De Pasquale, “il green pass finirebbe per costituire un’imposizione, surrettizia e indiretta, di un obbligo vaccinale per quanti intendano circolare liberamente e/o usufruire dei suddetti servizi o spazi. Ne conseguirebbe la violazione della libertà personale, intesa quale legittimo rifiuto di un trattamento sanitario non obbligatorio per legge, o comunque di continue e quotidiane pratiche invasive e costose quali il tampone”.

Leggi la diffida

Il Presidente del SIPPE Alessandro De Pasquale scrive una lettera al Ministro della Giustizia Cartabia dopo quello che è successo in molti istituti e servizi penitenziari in cui poliziotti sarebbero stati costretti a mangiare in mezzo ai furgoni o per la strada per le rigide norme sul green pass.

Leggi la lettera

Pagina 1 di 51

Contatti

Top