Mercoledì 11 gennaio 2023 si è insediato il nuovo
Con decreto del 21 ottobre 2022 sono state individuate le ...
Roma, 22.10.2022 - Il nuovo ministro della Giustizia è
Arrestate otto persone che si sarebbero rese responsabili ...
“Diversi esponenti del centrodestra hanno sempre promesso
Redazione

Redazione

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mercoledì, 11 Gennaio 2023 00:00

Giovanni Russo nuovo Capo del DAP

Mercoledì 11 gennaio 2023 si è insediato il nuovo capo del DAP Giovanni Russo. Succede a Carlo Renoldi. Russo è originario di Marigliano, città vicino Napoli. Magistrato di Cassazione, dal 2009 ha svolto funzioni di pm alla Direzione nazionale antimafia dove, dal 2016, è stato procuratore aggiunto e anche reggente pro-tempore.

Con decreto del 21 ottobre 2022 sono state individuate le organizzazioni sindacali rappresentative sul piano nazionale per il personale non dirigente del Corpo della polizia penitenziaria per il triennio 2022-2024 (GU n.265 del 12-11-2022)

Le organizzazioni sindacali rappresentative sul piano nazionale, per il triennio 2022-2024, sono le seguenti:

SAPPE;

SINAPPE;

OSAPP;

UILPA PP;

USPP;

CISL FNS;

CGIL FP PP.

Il SIPPE è organizzazione sindacale affiliata al Sinappe ed ha contribuito e continua a contribuire alla crescita di quest’ultima.

Leggi il decreto

Roma, 22.10.2022 - Il nuovo ministro della Giustizia è Carlo Nordio, ex magistrato ed eletto alla Camera con Fratelli d’Italia. Trevigiano, classe 1947. “Ho sempre auspicato la nomina di Nordio e non quella della Casellati; la posizione di quest’ultima sull’affettività in carcere non l’ho mai condivisa, quindi bene la nomina di Carlo Nordio con L’auspicio che possa davvero riformare il Corpo di Polizia Penitenziaria ed il sistema penitenziario”. Lo dichiara Alessandro De Pasquale - Presidente SIPPE.

Arrestate otto persone che si sarebbero rese responsabili dell’introduzione, all’interno del penitenziario di “Poggioreale”, di droga e cellulari. In manette è finito anche il garante comunale dei detenuti che, secondo la ricostruzione degli investigatori, approfittando del suo ruolo che gli consentiva libero accesso all’interno delle carceri, avrebbe introdotto dispositivi di telefonia mobile e sostanze stupefacenti dietro compenso. Con un sistema piramidale consolidato il denaro sarebbe stato diviso tra i partecipanti dell’organizzazione. Giovanni Melillo, nel descrivere lo stato delle carceri napoletane durante l’audizione in Commissione antimafia il 24 ottobre 2019 dichiarò: “In alcuni carceri la situazione è fuori controllo, la comunicazione è costante grazie agli innumerevoli telefoni che entrano facilmente, ci sono gruppi interni che rispecchiano quelli criminali all’esterno ed esistono vere e proprie piazze di spaccio”. Affermazioni dure ma a quanto pare veritiere. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, lo stesso garante avrebbe approfittato dei “colloqui mirati” per effettuare le consegne richieste. Un ruolo, quello del garante comunale, definito “pienamente attivo nell’organizzazione” criminale. De Pasquale, presidente del SIPPE afferma : “Vorremmo ora leggere qualche riga di disappunto da parte di chi, in malafede, crede che la polizia penitenziaria sia un problema nelle carceri e nemica del detenuto”. “La verità - conclude De Pasquale - è che il sistema penitenziario è ormai fallito; la sicurezza non sembra considerata un presupposto per la rieducazione del condannato. Ciò, nel tempo, ha creato un cortocircuito al sistema. Adesso bisognerà azzerare e far ripartire la macchina penitenziaria con vere strategie ed obiettivi chiari, privilegiando la sicurezza.

(Nella foto Pietro Loia) 

Roma 18.10.2022

Pagina 1 di 56

Contatti

Top