Il 20 giugno scorso, alle ore 17.00, presso la Sala del ...
I poliziotti penitenziari della Casa Circondariale di Viterbo
Giungono notizie di una probabile rivolta in atto all'interno ...
“Destinata ad aumentare la carenza di personale di polizia
Lunedì scorso sono stati già notificati i primi ...
Corte dei Conti registra il decreto di defiscalizzazione per Forze di Polizia

Come è noto, il riordino delle carriere, decreto legislativo 95/2017, all’articolo 45 comma 2, ha previsto una misura di sostegno per i percettori di redditi inferiori a 28000 euro annui. Tale misura si realizza attraverso un sistema di defiscalizzazione percentuale delle indennità di natura fissa e continuativa. Gli importi stanziati sono posti in maniera via via decrescente (53,1 milione di euro per l’anno 2018 fino ad arrivare a 15 milioni di euro a partire dal 2026) e sono suddivisi sugli aventi diritto annualmente individuati fra gli appartenenti alle forze di polizia e alle forze armate. Per l’anno 2018 (anno di imposta 2017) sono stati individuati 99156 percettori di un reddito annuo inferiore a 28000 euro (il dato è riferito al C.U. 2018). In ragione di ciò “l’imposta lorda determinata sul trattamento economico accessorio, comprensivo delle indennità di natura fissa e continuativa corrisposte al personale del comparto sicurezza e difesa, è ridotta per ciascun beneficiario dell’importo massimo di 535,50 euro”.

Leggi il decreto

Last modified on Venerdì, 31 Maggio 2019 11:38
Share this article

Contatti

Top