Roma, 22 febbraio 2020 - Il presidente del SIPPE Alessandro De
Roma, 18 febbraio 2020 - Non sono ancora dati definitivi ma ...
Roma, 6 febbraio - Il SIPPE, acquisite le opportune informazioni
SIPPE e Sinappe Manifestano a Viterbo contro le difficili e ...
Considerata l’allerta sanitaria per prevenire la ...

Roma, 22 febbraio 2020 - Il presidente del SIPPE Alessandro De Pasquale invia una nota al Capo del Dap e a quello della Giustizia Minorile per chiedere un’azione di prevenzione nelle carceri al fine di scongiurare il contagio del coronavirus.

Leggi la lettera

Roma, 18 febbraio 2020 - Non sono ancora dati definitivi ma danno l’idea del prossimo scenario sindacale. Il Sinappe, ad oggi, è il terzo sindacato della polizia penitenziaria e ciò è stato possibile anche grazie al contributo del SIPPE che ha mantenuto il proprio dato associativo.

La Cgil - si legge nella tabella - non raggiunge la soglia minima del 5% ma al momento il dato è provvisorio e potrebbe cambiare.

La scaletta dei sindacati, nell’ordine, ad oggi risulta essere così:

SAPPE
OSAPP
SINAPPE (SIPPE -SPP)
UIL PA
USPP
CISL
CNPP
CGIL

Vi terremo aggiornati!

La Segreteria Generale

Leggi la nota Dap dato associativo

Roma, 6 febbraio - Il SIPPE, acquisite le opportune informazioni presso i competenti Uffici, ha appreso che si starebbe provvedendo all’inserimento delle competenze maturate nel mese di novembre (che sarebbero dovute essere accreditate con lo stipendio di gennaio) e dicembre 2019. Appena saranno completate dette operazioni, dal portale NOIPA dovrebbe essere visibile l’importo aggiornato. Salvo diversi e non preventivabili problemi di natura tecnica, gli importi dovrebbero essere liquidati con il cedolino del mese corrente. 

SIPPE e Sinappe Manifestano a Viterbo contro le difficili e disumane condizioni in cui lavora la Polizia Penitenziaria. Il 3 febbraio scorso si è tenuta la dura protesta dei due sindacati della polizia penitenziaria di Viterbo, da tempo sotto accusa per delle presunte violenze ai danni dei detenuti. Leggi la notizia

Considerata l’allerta sanitaria per prevenire la diffusione del Coronavirus, il SIPPE ha proposto di valutare la possibilità di un’adeguata profilassi medica sui detenuti che provengono dalla libertà, i Nuovi Giunti, soprattutto se stranieri.

Leggi la lettera

Una situazione, quella delle carceri italiane ormai afflitta dal sovraffollamento dei detenuti, dalle continue aggressioni agli agenti penitenziari, dai suicidi, anche tra gli operatori della penitenziaria e dalle carenze nelle strutture sanitarie per gli ospiti delle case circondariali.

Leggi l’articolo

Guarda la trasmissione

Pagina 1 di 15

Contatti

Top